<< Prev  Next >>

News: festeggiamenti in onore di San Donato Agoto 2020

Posted by giacomo on 2020-07-29 15:21:33 CEST

Confraternita di San Donato - Varazze

Festa di San Donato – Varazze 2 Agosto 2020

 

Programma:

Venerdì 31 luglio ore 21,00 Chiesa di San Donato:

Rosario e riflessioni sulla vita del Santo

 

Sabato 1 Agosto ore 21,00 Chiesa di San Donato:

Concerto per Armonium diretto dal M° Giovanni Musso

 

Domenica 2 Agosto ore 9,00 Chiesa di San Donato:

Santa Messa Solenne officiata dal nostro parroco Don Claudio Doglio.

LA CHIESA RESTERA' APERTA SINO A SERA.

Venerdi 7agosto,festa liturgica di San Donato – ore 21,00,S. Messa a conclusione dei festeggiamenti.

 

Siete tutti invitati sul nostro Colle per partecipare a questa ricorrenza.

 

tell a friend :: comments 0


News: Stemma Citta' di Varazze

Posted by giacomo on 2020-07-28 16:50:31 CEST

COMUNICATO STAMPA

Il 2 agosto 2020, in occasione della Festa del Santo titolare, all’interno dell’antica chiesa di San Donato, da sempre proprietà comunale, alla presenza del Sindaco e del Parroco, verrà posto lo Stemma della Città di Varazze.

Premessa

L’epidemia di peste del ‘600 ovunque imperversa, ma Varazze ne è preservata, i varazzini si ricordano allora il precedente di tre secoli prima, quando nel 1376 Caterina, tornando da Avignone si fermò a Varazze e la salvò dal ‘mal contagioso’: sicuramente anche questa volta il miracolo è opera della Santa senese. Memori delle grazie ricevute, nel settembre del 1630 il Minore e Maggiore Consiglio deliberano “…che atteso la grazia fattaci dalla S.V.M. per intercessione della gloriosa S.Caterina da Siena preservati dal mal contagioso dovessimo mostrarci grati, con qualche dimostrazione et affetto…” e decidono di attuare finalmente “Il voto solenne fatto alla gloriosa Santa”. Sono passati tre secoli per onorare quel voto, ma in verità i tempi non sono ancora maturi: devono passare ancora quindici anni per restaurare la Cappella a levante della città che aveva l’accesso verso il mare e infine nel 1652 si realizza la nuova chiesa ruotando di novanta gradi l’edificio precedente. A testimonianza che per rispettare quel voto l’edificio sacro è di proprietà del Comune, all’interno della chiesa è posto lo stemma della Città di Varazze.

 

Un’altra chiesa può godere pienamente e motivatamente dello stesso diritto.

La chiesa di San Donato con l’intera sommità del Colle del Parasio è di proprietà del Comune, testimonianza e conseguenza di quando nel XII secolo, abbandonato il castello e l’edificio religioso, i Marchesi Aleramici lasciarono l’intera area cinta dalle poderose mura difensive alla Comunità locale. Da tempi antichissimi dunque, il Comune, a nome della comunità locale tutta, ha sempre gestito questa singolare proprietà. La documentazione riguardanti i tempi più antichi è ovviamente scarsa, ma sappiamo che era prassi che fosse il Comune a nominare i massari che amministravano la chiesa, come prova un documento del 1575. Nel 1639 quando la chiesa è ricostruita, il Comune partecipa alle spese con un contributo di 200 lire genovesi. E quando la chiesa è lesionata dal terremoto del 1887, sollecitamente interviene per consolidarla.

Con Deliberazione n°141 del 4 giugno del 2002 il Comune ha affidato custodia, amministrazione della chiesa e gestione dell’area circostante, rispettivamente alla Confraternita di San Donato e alla Associazione Culturale San Donato, continuando comunque a mantenere, come ha fatto per decenni e secoli, la sua attenzione su questa singolare proprietà.

Proprietà che non porta su di sé il sigillo della proprietà pubblica: lo stemma della Città di Varazze.

Confraternita e Associazione Culturale hanno voluto porre rimedio a questa mancanza.

Hanno affidato il compito a due soci e confratelli, maestri nell’arte dell’intaglio e della pittura, Vittorino Siri e Bruno Ghibaudo, di realizzare in legno scolpito e dipinto l’antico stemma di Varazze.

Domenica 2 agosto, festa di San Donato, alla presenza del Sindaco di Varazze Alessandro Bozzano e del Parroco di S.Ambrogio Claudio Doglio, al termine della messa mattutina delle ore 9, all’interno della chiesa verrà posto lo stemma della Città di Varazze. Si porrà così il giusto sigillo di una vicenda secolare di bella convivenza e collaborazione fra l’intera comunità varazzina, il Comune, gli abitanti del borgo e i volontari dell’Associazione e della Confraternita che in continuità con un grande passato custodiscono tradizione e cultura del luogo che vide la nascita di Varazze.

 

Confraternita di San Donato e Associazione Culturale San Donato VARAZZE 

tell a friend :: comments 0


News: S. Natale 2019

Posted by giacomo on 2019-12-23 20:36:41 CET

 

La notte di Natale, il 24 dicembre 2019, dopo la Santa Messa officiata alle 22.00, la comunità di S.Donato di Varazze accoglie con gioia il Natale con panettone, canestrelli e vin brulè per tutti!

Per chiunque abbia voglia di festeggiare l'arrivo del Natale in compagnia nell'atmosfera magica di S. Donato, questa è l'occasione.

tell a friend :: comments 0


News: Festeggiamenti di S.Donato 2019-Comunicato Castrum d'argento

Posted by giacomo on 2019-07-26 15:52:36 CEST

Accanto ai secolari festeggiamenti a San Donato che nella prima domenica di agosto si svolgono nel borgo del Parasio, si è ormai consolidata una nuova tradizione: la consegna del Castrum d’Argento.

A pieno titolo possiamo definire “tradizione” un avvenimento che coinvolge cittadini e autorità e che è diventato l’emblema della gratitudine e della riconoscenza della Città intera ai suoi figli migliori e che si svolge ormai da quasi un quarto di secolo.

Nel corso degli anni hanno ricevuto l’ambita targa d’argento esponenti dell’arte, della cultura, dello sport e del volontariato sociale che con la loro attività hanno portato prestigio alla città di Varazze.

Quest’anno si sarebbe svolta la 24° edizione…Ma, per la prima volta, l’Associazione Culturale San Donato, ha inteso applicare l’art. 5 del regolamento: “ l’associazione San Donato può, a suo insindacabile giudizio, soprassedere nel corso di uno o più anni all’assegnazione del premio “.

Crediamo che questa scelta, lungi dallo sminuire l’importanza del Castrum d’Argento, in realtà rafforzi e aumenti il prestigio dell’iniziativa. Perché dimostra che ogni scelta compiuta nel passato, nell’individuare la persona o l’Associazione da premiare, così come sarà per il futuro, è il frutto di una valutazione attenta e unanime. E che quando si presenta il caso, come quest’anno, di più indicazioni, tutte meritorie, ma con nessun candidato che chiaramente emerge sugli altri, è più corretto non consegnare il Castrum, in attesa che, con le prossime edizioni, si individui un candidato al quale unanimemente e convintamente si possa assegnare l’ambito riconoscimento.

tell a friend :: comments 0


News: Festeggiamenti di S.Donato 2019

Posted by giacomo on 2019-07-26 15:43:28 CEST

Associazione Culturale “SAN Donato”

Varazze (SV) Via Parasio, 1 – Aderente All’ A.N.S.P.I.

www.sandonato-varazze.it – sandonatovarazze@gmail.com

1-3-4 AGOSTO 2019 COLLE DEL PARASIO

CELEBRAZIONE E FESTEGGIAMENTI PER SAN DONATO

COL PATROCINIO DELLA CITTÀ DI VARAZZE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiesa di San Donato – Varazze Parasio

Programma festeggiamenti per la festa del Santo Patrono.

Come consuetudine nella prima domenica di agosto si svolgeranno i festeggiamenti in onore di San Donato ( secondo vescovo di Arezzo e martire ), nella antichissima chiesa, un tempo pieve e prima parrocchia di Varazze, situata sul colle del Parasio, fra i resti del castrum romano-bizantino

Programma:

giovedi 1 agosto – ore 21 – Incontro di preghiera.

Sabato 3 agosto – ore 21,15 – Concerto con il soprano Veronica Repetto ed il tenore Silvano Santagata – All’armonium il maestro Giovanni Musso. ( ingresso libero )

Domenica 4 agosto – ore 9,00 – S.Messa celebrata dal parroco di Sant’Ambrogio don Claudio Doglio,animata dal coro dell’Annunziata.

Ore 20,30 – Vespri.

Ore 21,00 – Processione attorno al colle con la statua del Santo ed i Crocifissi delle confraternite varazzine. Presterà servizio la banda cittadina Cardinal Cagliero.

Mercoledi 7 agosto,festa liturgica di San Donato – ore 21,00 – S.Messa.

 

tell a friend :: comments 0


News: Riconoscimento al Sig. Siri Vittorino -inaugurazione armonium

Posted by giacomo on 2018-12-03 12:15:10 CET

Chiesa di San Donato – Varazze

Sabato 15 dicembre 2018 con inizio alle ore 16,00 a cura della confraternita di San Donato,consegna riconoscimento all’artigiano provetto Siri Vittorino che col suo impegno ha contribuito ad arricchire ulteriormente il patrimonio artistico e religioso della chiesa.

A seguire inaugurazione dell’armonium da concerto,(Pairetti-Torino,inizio novecento ,sistemato degnamente nel soppalco del vecchio organo) con un concerto del maestro Giovanni Musso.

Saranno presenti le massime Autorità cittadine.

Al termine rinfresco sul sagrato della chiesa.

La popolazione è caldamente invitata.

tell a friend :: comments 0


News: Festeggiamenti di S.Donato 2018

Posted by giacomo on 2018-07-08 10:29:00 CEST

Associazione Culturale “SAN Donato”

Varazze (SV) Via Parasio, 1 – Aderente All’ A.N.S.P.I.

www.sandonato-varazze.it – sandonatovarazze@gmail.com

4-5 AGOSTO 2018 COLLE DEL PARASIO

CELEBRAZIONE E FESTEGGIAMENTI PER SAN DONATO

COL PATROCINIO DELLA CITTÀ DI VARAZZE

 

 

 

 

 

 

 

 

 



PRESENTAZIONE

Anche quest’anno il 4 e 5 di agosto sul Colle di San Donato nel borgo del Parasio l’Associazione Culturale San Donato con la Confraternita di San Donato mantengono viva l’antichissima tradizione dei festeggiamenti in onore di San Donato. Ogni anno si rende evidente come fede e devozione s’intrecciano con volontariato e impegno nel mantenere vivo un evento che alimenta il senso di appartenenza di una comunità.

Quando, come a San Donato, volontari con il loro impegno lavorano per condividere momenti religiosi, culturali o d’intrattenimento, si compie un evento speciale: uomini e donne si incontrano e festeggiano loro stessi, la voglia di stare insieme e di celebrare la propria identità. E questo non è poco. Un grande filosofo, recentemente scomparso, con acute parole ha definito la società in cui viviamo come “ società liquida”. Una società che ha perduto i propri punti di riferimento, che non offre più un tessuto entro il quale ciascun uomo si possa sentire come a casa propria, ma che “condanna alla solitudine il cittadino globale”. Le feste di quartiere sono poca cosa rispetto all’immensità del mercato globale, che induce a vivere per il consumo, sostenendo l’illusione che siano i suoi prodotti a dare la felicità…Ma le nostre feste sono granelli che accanto ad altri granelli, mantengono vivo il senso vero di una comunità…Per questo la Festa di San Donato continua da tempo immemorabile. E per poter continuare, non è sempre la stessa ma cambia, come cambiano i tempi.

Nei primi anni del 900 la grande statua di San Donato, opera di G.B. Rebagliati “ u scultu” veniva portata in processione lungo la strada provinciale fino al borgo di Bolzino; oggi la processione si snoda attorno al Colle nel buio della sera e simbolicamente porta la piccola cassa lignea con l’immagine del Santo, ma ancora mantiene il suo autentico significato.

Questa pubblicazione informa cittadini e turisti sul programma dei Festeggiamenti e testimonia come San Donato sia sempre considerato un patrimonio dell’intera città: basta osservare le numerose ditte e imprese che con il loro inserto pubblicitario sponsorizzano l’avvenimento. Anche a loro deve andare il più vivo ringraziamento per l’affetto che dimostrano a questa tradizione con il loro concreto contributo.

Da tempo la Festa si è arricchita di un prestigioso evento: la consegna del Castrum d’Argento che quest’anno sarà consegnato al Gruppo Teatrale Don Bosco, meritorio gruppo varazzino che fa Teatro e mantiene vivo un importante patrimonio: il nostro dialetto. Tangibile segno che in questa difficile società, in realtà sono in tanti a fare cultura e a mantenere vivo il senso di appartenenza della comunità.

 

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione Culturale San Donato

 


CHIESA DI SAN DONATO – VARAZZE – PARASIO

FESTEGGIAMENTI IN ONORE DEL SANTO PATRONO


 

Come consuetudine nella prima domenica di agosto si svolgeranno i festeggiamenti in onore di San Donato,secondo vescovo di Arezzo e martire,nella antichissima chiesa (un tempo pieve e prima parrocchia di Varazze) posta sul colle del Parasio (fra i resti del castrum romano-bizantino), tanto cara a generazioni di varazzini.

Programma generale


 

Giovedi 2 agosto

Ore 21,00 – Esposizione eucaristica – Vespro – Omelia – Benedizione.


 

Sabato 4 agosto

Ore 21,00 – Serata musicale con il complesso “ Nino Morena “.

Nel corso dell’intrattenimento si terrà la cerimonia di consegna del prestigioso Premio CASTRUM d’ARGENTO che quest’anno viene assegnato al Gruppo Teatrale Don Bosco, in considerazione dell’impegno e passione profusa nel campo teatrale ed in particolare per il rilancio della cultura dialettale.

Saranno presenti le massime Autorità cittadine.


 

Domenica 5 agosto

Ore 9,00 – S.Messa celebrata dal parroco di Sant’Ambrogio don Claudio Doglio,animata dal gruppo vocale Chicchi di Riso.

Ore 20,30 – Vespri – Al termine processione attorno al colle con la statua del Santo ed i Crocifissi delle confraternite varazzine – Benedizione sacerdotale.

Presterà servizio la banda Cardinal Cagliero.


 

Martedi 7 agosto – Festa liturgica di San Donato

Ore 20,30 – S.Messa a suffragio dei benefattori defunti.


*Curriculum del Gruppo Teatrale “ Don Bosco “ di Varazze

Il gruppo teatrale Don Bosco è una realtà che da più di cento anni lavora per il divertimento e la promozione culturale soprattutto del teatro dialettale.

Le sue lontane origini sono rappresentate dalla “ Filodrammatica Don Bosco “ fondata da giovani che frequentavano l’oratorio salesiano fini dai primi anni del secolo scorso.

Dopo la seconda guerra mondiale la filodrammatica riprende con impegno il suo cammino animata da giovani e meno giovani che si danno il cambio a calcare le scene.

Il gruppo è solo maschile ma dopo gli anni ’60 anche le ragazze vengono ammesse a far parte del gruppo teatrale ed inizia così la storia contemporanea dell’attuale compagnia.

Intorno al 1980 il gruppo inizia a portare i sui lavori,rigorosamente in dialetto ligure,ed affrontare il giudizio del pubblico di altre regioni con commedie “ goviane “ e di altri autori liguri contemporanei,sui palcoscenici di numerose città: Verona,Vicenza,Varese,Laveno,Vercelli,Bolzano,Macerata,Latina senza comunque dimenticare gli angli tipici della terra ligure.

Le produzioni sono anche servite alla raccolta di fondi per “Telethon” – “30 ore per la vita” – “Aism” – e bambini di Chernobyl,ulteriore prova di un certo modo di fare teatro.

Fare teatro amatoriale vuol dire farlo con passione,dedicandogli il proprio tempo libero,ritrovando il piacere di comunicare con gli amici che lavorano ad un progetto comune senza dimenticare le proprie origini e la propria cultura.

Gli interpreti delle varie commedie presentate in questi ultimi anni sono:

Gianni Way (segretario nazionale della federazione italiana teatro amatori),Gloria Corso,Teresa Bolla,Filippo Ghigliazza,Alfredo Valle,Elvira Todeschi,Eugenio Rusca,Ilaria Colombo,Margherita Alipede,Julia Maklaklova,Paolo Guido,Maria Buscaglia,Piero Molinari.


 

Repertorio:

Barba e capelli – Nifer – 47 o morto che parla – O casanova de Camoggi – Articolo v – O barba Nicolin – Tutto in fumme – Sotto a chi tocca – Ne l’è veo…ma ghe creddo – L’aegua cuà – Serse l’avvocato de cause perse -.

 

Giovanni Celesia (Jan Neer), il nostro Henry Cartier Bresson

La fotografia oggi è un'attività considerata di pratica comune, l'enorme sviluppo tecnologico e la diffusione dei sistemi fotografici integrati negli smartphone hanno permesso ad ognuno di noi di cimentarsi in questa materia quotidianamente e con ottimi risultati.

In passato non era certamente così: la fotografia iniziò la sua diffusione in ambito commerciale dal 1888 grazie alla kodak che sviluppò un prodotto di massa, ma i limiti tecnici delle fotocamere di fine 800 non erano pochi, ad esempio l'assenza totale di autofocus e di sistemi esposimetrici precisi, l'ingombro notevole e l'elevato costo di sviluppo su lastra. Fotografare quindi non era appannaggio di tutti.

I fotografi avevano possibilità minime di sperimentare e spesso si limitavano a scattare unicamente ritratti di famiglia oppure soggetti statici, con relativo uso della fantasia e del talentoartistico.

Così non fu per un nostro varazzino che nacque a Casanova, battezzato nella chiesetta della natività di Maria SS.ma, l'11 aprile del 1860, con il nome di Giovanni Maria Celesia. Figlio di Vincenzo Celesia, procuratore del Re d'Italia ed originari di Varese Ligure.

Egli fu un eccezionale fotografo, prima per passione e poi anche per professione, dotato di un talento davvero singolare.